339 3765671 info@kairosteatro.it

DIZIONE E USO DELLA VOCE – Adriano Saleri

Premessa
L’apprendimento della corretta Dizione della lingua italiana e del corretto uso della voce saranno oggetto del primo anno di corso.
Con l’ausilio di dispense, registrazioni audio e numerosi esercizi di articolazione, gli allievi attori prenderanno contatto con gli strumenti espressivi dell’arte teatrale.
L’insegnamento verterà, da un lato, sull’utilizzo della voce, sul respiro, sulla dizione e la pronuncia e dall’altro sull’espressività. Lo studio teorico verrà consolidato attraverso l’applicazione pratica su testi di varia provenienza: repertorio teatrale classico e repertorio teatrale e cinematografico contemporaneo, che verranno utilizzati per esercitare la capacità di individuare e mettere in pratica le numerose strade che si presentano quando si è di fronte a un testo da gestire.

Obiettivi generali
L’insegnamento della Dizione e dell’uso della voce è finalizzato a guidare gli allievi attori in un viaggio attraverso le proprie potenzialità espressive collegate all’utilizzo della voce, dapprima mediante l’apprendimento della corretta dizione della lingua italiana, poi con un lavoro sulle immagini che stanno dietro alle parole, sulle linee invisibili del pensiero che sono alla base di un testo, sul rapporto unico e personale, fisico e mentale, che ogni attore deve creare con un testo e, infine, sugli strumenti per dare forma a questi elementi invisibili (ritmo, volume, tono e colore).

Programma
Voce e Respiro
– La respirazione, naturale e diaframmatica;
– Esercizi per il potenziamento della voce e per liberare la voce naturale;
– Gli organi della fonazione: anatomia e fisiologia dell’apparato fonatorio e respiratorio;
– Il fonema: suoni vocalici e consonantici;
– Impostazione e modo di articolare il suono.
Dizione e pronuncia
– Elementi di fonetica;
– Le posizioni della lingua per pronunciare correttamente le sette vocali;
– I punti di articolazione e le dinamiche di articolazione per la formazione delle consonanti;
– L’accento tonico e l’accento fonico: regole principali di accentazione e pronuncia;
– Le vocali e ed o aperte e chiuse: casistiche principali e strategie di apprendimento;
– Le s e le z sorde e sonore e le consonanti sorde e sonore;
– I raddoppiamenti sintattici;
– Gli schemi tonali delle diverse regioni italiane e lavoro sulle cantilene;
– Le trasformazioni delle consonanti nelle diverse regioni italiane;
– Varietà di pronuncia: pronuncia moderna e pronuncia tradizionale;
– I suoni difficili;
– Analisi dei difetti di pronuncia più comuni;
– Analisi individuale del modo di parlare di ogni singolo Allievo e messa a fuoco di obiettivi personali;
Espressività
– Volume, tono, tempo, ritmo e mordente come risorse espressive;
– Legato e staccato;
– La parola chiave;
– La punteggiatura e la pausa;
– Gli incisi;
– Le immagini interiori contenute in un testo;
– L’azione sotterranea di un testo e le linee del pensiero;
– Esercizi di narrazione personale per esplorare il legame vivo tra immagini pensiero, emozioni e parole;
– La ricerca della parola, non come elemento di una frase imparata a memoria ma come linguaggio portato e mosso da un reale pensiero;
– Pausa logica e pausa psicologica;
– I 4 elementi (acqua, aria, terra, fuoco) come risorse espressive da utilizzare nella lettura di un testo.